Biennale europea dell’acquarello ad Albignasego

Ottanta opere selezionate, tra le 255 partecipanti all’XI edizione della Biennale Europea dell’Acquarello, saranno esposte dal 9 al 24 ottobre nella splendida cornice della seicentesca Villa Obizzi di Albignasego. La mostra concluderà l’edizione 2010 della Biennale, organizzata dalla Pro Loco e dal Comune di Albignasego con il sostegno della Provincia di Padova e della Fondazione Antonveneta. La rassegna è stata presentata questa mattina a palazzo Santo Stefano dall’assessore provinciale alla Cultura e Identità veneta Leandro Comacchio, dal sindaco di Albignasego Massimiliano Barison e dal direttore generale della Fondazione Bruno Bianchi.

“La qualità e la varietà delle opere e il numero sempre crescente di partecipanti – ha spiegato l’assessore Comacchio – dimostra come questa manifestazione così particolare abbia rappresentato una scelta coraggiosa e lungimirante quando, nel 1987, nacque per volontà del Comune e della Pro Loco. In tanti anni, infatti, la Biennale ha qualificato l’offerta culturale di Albignasego e del territorio provinciale. Ancora una volta, dunque, l’arte diventa un volano anche per l’economia locale e il turismo”.

La Biennale dell’Acquarello di Albignasego ha confermato, anche in questa edizione, l’alto valore culturale raggiunto nei suoi vent’anni di vita, richiamando la partecipazione di ben 155 artisti italiani e stranieri. Tra le opere selezionate in esposizione a Villa Obizzi, in primo piano le vincitrici di questa XI edizione, Nostalgia dell’artista padovana Emanuela Colbertaldo (primo premio), I Leoni di Bronzo a Piazzola sul Brenta dell’illustratore vicentino Damiano Bellino (secondo premio) e Tulips dell’olandese Ke Tholen (terzo premio).

“Siamo orgogliosi da sempre di questa manifestazione – ha detto il sindaco Barison – perché caratterizza il nostro Comune e ci offre la possibilità di far conoscere villa Obizzi. Quest’anno verranno utilizzati tutti i suoi spazi con l’obiettivo di garantire la massima accoglienza ai visitatori”.

La Biennale dell’Acquarello è sempre stata mostra e concorso, vetrina dei migliori acquarellisti, italiani ed europei. In ordine al concorso vi sono 3 Premi-acquisto del valore rispettivamente di € 1500, 750, e 500. Quest’anno la giuria (composta da Gabriella Niero, critico d’arte – Venezia; Maria Beatrice Rigobello Autizi, critico d’arte – Padova; Massimo Scifoni, pittore e critico d’arte – Udine; Giovanni Vitulo, maestro d’arte – Padova) ha attribuito i primi 3 premi rispettivamente all’opera “Nostalgia” di Emanuela Colbertaldo – Padova; all’opera “I Leoni di Bronzo a Piazzola sul Brenta” di Damiano Bellino – Arcugnano (Vicenza) e all’opera “Tulips” di Kusters Adrienne – Tholen (Olanda).

La giuria ha riservato un particolare riconoscimento alla carriera a tre maestri dell’acquarello, che hanno partecipato più volte alla Biennale e vinto diversi premi: Alberto Balestra – Venezia; Sergio Bigolin – Galliera Veneta (Padova) ed Ennio Toniato – S. Giorgio in bosco (Padova). Una menzione speciale è stata fatta a 10 opere segnalate per la particolare originalità delle scene e delle soluzioni. Esse sono:

– Omaggio a Pontormo – Particolare La visitazione di Saccardo Ruggero

– Cultura dei nostri tempi di Carraio Antonella

– Galleria parigina di Silvestrin Luciana

– Percorsi di Molon Nadia

– Multietnico di Camarotto Raffaella

– Profumo di Rose di Boscato Francesca

– Mici di Tagliasacchi Paolo

– Attesa di Raggi Mirella

– Ritmo di Mitchell Elisabeth

– Terra et feu di Jean-Pierre De Vynck

“Con questo progetto – ha spiegato Bianchi – Fondazione Antonveneta continua ad essere presente nella vita culturale del territorio padovano, promuovendo una manifestazione importante non solo per lo stimolo che offre alla ricerca artistica sull’acquarello, ma anche per il contributo che fornisce allo sviluppo sociale ed economico del territorio stesso. Ci auguriamo che questo evento possa far diventare Albignasego la capitale europea dell’acquarello”.

La mostra apre sabato 9 ottobre alle 16. L’orario di visita della Biennale è da martedì a venerdì, 9-13 e 14-18 ; domenica 10, domenica 16 e sabato 23 dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 20. Lunedì, chiuso.

Advertisements